ALLA SCOPERTA
DEL
CIBO
DEGLI
DEI

Persone

INTERVISTA A ROSSANA BETTINI, AUTRICE DEL LIBRO È AUTENTICO CIOCCOLATO.
  
Caractère ha presentato un nuovo evento nel flagship store di Milano all’insegna del fascino del cioccolato, un appuntamento che ha coinvolto l’autrice di un libro che racconta alcuni segreti sul cibo degli Dei, le sue origini, la sua lavorazione e gli abbinamenti con i vini più adatti, fornendo le modalità per distinguere un buon prodotto dagli altri. Per Rossana Bettini, giornalista e insegnante di Educazione del Gusto e autrice di “È autentico cioccolato”, è importante informarsi e saper scegliere, decidendo consapevolmente cosa acquistare e mangiare. Per i Maya il cioccolato era un magico elisir, per gli studiosi della Boston University e dell’Harward University, il cioccolato allunga la vita. Si tratta quindi di un alimento ricco di storia e curiosità a proposito del quale c’è veramente tanto da scoprire. Il libro, con prefazione di Oscar Farinetti e splendide fotografie di Fabio De Visintini, svela tutte le verità e i segreti del cioccolato, andando al di là di miti e leggende. Alla presentazione del libro è seguita una degustazione di cioccolato Chox, azienda triestina d’eccellenza nell’ambito della lavorazione e commercializzazione del cioccolato. Parliamo di questo cibo favoloso con l’autrice, Rossana Bettini, intervistata per l’occasione dalla giornalista Antonia Matarrese.

  
bettini-01  
– Qual è il suo rapporto con il cioccolato?
  
Il mio rapporto con il cioccolato è abbastanza buffo, in verità. Da bambina non amavo il cioccolato, e mi chiedevo perché non amassi un prodotto che invece tutti apprezzano. Si può dire abbia fatto il percorso inverso. Continuavo ad assaggiarlo ma non provavo un gran piacere, fino a quando ho assaggiato un cioccolato molto particolare. Non mi era stato annunciato, mi è soltanto stato offerto, e ho scoperto essere un Criollo, varietà Chuao. È stato a quel punto che mi sono innamorata del cioccolato. Quindi, andando avanti con gli anni, ho fatto il mio master in educazione sensoriale, sono diventata docente di educazione del gusto, insegnante di sommellerie, fino ad arrivare al grado massimo di docenza. Ho cominciato a unire la passione per l’insegnamento alla nuova passione per il cioccolato e così, dopo essermi occupata di vini e di olio, sono approdata a questo progetto.
  
– Qual è la relazione tra vino e cioccolato?
  
Il rapporto tra vino e cioccolato è un rapporto inventato da Gino Veronelli, è a lui che dobbiamo questa novità di abbinamenti. Fino a dieci o quindici anni fa, l’abbinamento ideale era considerato quello con i distillati. Poi, piano piano, e grazie alla conoscenza del vino sia come edonismo sia come cultura, si è arrivati a scoprire dei vini che stanno molto bene con il cioccolato. Dipende sempre però dalla massa di cacao che c’è nel prodotto. Un prodotto austero, con grande massa di cacao, ha bisogno di un vino solenne. Bisogna sempre stare attenti a questo equilibrio in modo che il vino non copra il cioccolato, e che il cioccolato degustato a lungo non offuschi le nostre papille al punto da non farci riconoscere più un gran vino.
  
bettini-02  
– Siamo circondati da queste bellissime immagini, scattate da Fabio De Visintini, che corredano il libro “È autentico cioccolato”. Queste immagini di frutti del cacao ci rimandano ai colori della collezione Caractère, a cui lei stessa si è uniformata nel suo look, con splendidi colori nei toni del verde, del giallo, dell’arancio. Siamo in una boutique di un marchio di moda made in Italy e vogliamo quindi chiederle: qual è il suo rapporto con la moda?
  
Guarda, basta guardarmi, sono Caractère dalla testa ai piedi! Ho un rapporto bellissimo con la moda, mi piace e mi è sempre piaciuta, fin da bambina. Non amavo il cioccolato ma della moda ero già pazza. Mettevo via i soldini che la mamma mi dava per la merenda per andare a comprare di nascosto le scarpe con il tacco che ancora non erano, diciamo, “permesse”. Soprattutto dai papà. Per quanto riguarda il libro, secondo me è un prodotto che sta bene vicino a questa collezione, e in questo ambiente. Com’è stato detto, è un libro vellutato anche al tatto. E le immagini di Fabio De Visintini, che sono davvero molto curate, non sono solo immagini sul cacao. Sono immagini di momenti, dalla coltivazione alle coloratissime case dei contadini del cacao, i campesinos. È stato detto che si tratta di un libro etico ed estetico, in quanto si parla del cioccolato lavorato in modo onesto e della sostenibilità del cacao. E il libro è, appunto, bello.
  
bettini-03  
– Un capitolo del libro è dedicato alle tre “s” che rappresentano l’elemento cioccolato. Ci vuole spiegare cosa significano?
  
Le tre “s” sono un gioco. È sempre bello trovare qualcosa di speciale da raccontare in modo sintetico, in questo caso sapore, salute e sentimento. Sapore poiché per degustare davvero un buon cioccolato occorre essere allenati, quindi io dico sempre ai miei amici e ai miei lettori – i consumatori del cioccolato – che è bene allenare, così come si allenano i muscoli, anche i sensi. Significa andare nei posti giusti dove vendono il cioccolato buono, ossia geneticamente puro e perfetto. Esistono due specie di cacao in natura, il Forastero (90 per cento della produzione mondiale) e il Criollo (0,001 per cento), e un ibrido tra i due, il Trinitario. Il Forastero non è un cioccolato sano, e lo dico a costo di far arricciare il naso a più di qualcuno. Quindi il capitolo su sapore, salute e sentimento si esaurisce proprio con un monito: attenzione al carattere organolettico in fase di degustazione. Quando assaggiate un cioccolato che vi mette il dubbio significa che non è di qualità, non è autentico cioccolato. Per quanto riguarda la salute, il cioccolato fa bene, non fa ingrassare e aiuta addirittura a controllare il senso della fame. L’importante è non assaggiarlo la sera, non abbuffarsi prima di andare a dormire, perché essendo anche tonico, corroborante e – dicono – afrodisiaco, potrebbe disturbare il sonno. Per quanto riguarda il sentimento sarò più sintetica e chiedo a voi: dareste mai a chi amate un cioccolato che non fosse autentico?


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE: CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SE NE ACCETTA L’UTILIZZO. SE VUOI SAPERNE DI PIÙ CLICCA QUI OK