Contaminazioni

DEDAR
UNA STORIA
D’ECCELLENZA
ITALIANA

Contaminazioni

“Storica azienda milanese di tessuti e carte da parati, Dedar dal 1976 unisce la profonda conoscenza delle lavorazioni artigiane alla continua sperimentazione stilistica, la passione per i tessuti preziosi al gusto per la ricchezza cromatica”.
Nicoletta Balzaretti, Marketing Director, ci racconta come lavora l’azienda italiana.
  
– Qual è la storia delle carte da parati di Dedar?
  
È il 2008 quando Dedar esordisce nell’universo delle carte da parati con la collezione VICEVERSA, Contemporary Wallpaper portando il proprio segno distintivo: motivi audaci a grandi proporzioni, in cui l’ispirazione è riletta graficamente e nei colori. La nuova carta decorativa è facile da sostituire, ignifuga e di facile manutenzione. A seguire, nel 2010 viene introdotta la collezione BAMBU’: la carta, in vinile ignifugo e resistente alla luce, acquista profondità e spessore; i rilievi materici sono sottolineati dai leggeri riflessi metallici, la materia viene lavorata con un processo tecnologico di goffratura. Due anni dopo, con la collezione WOW, viene reinterpretata la tradizionale tecnica del ‘surface printing’, perfetta per esprimere con forza e profondità i motivi grafici contemporanei, le righe, le linee spezzate. Il colore viene applicato sulla base di TNT come fosse una patina cromatica, le lievi imprecisioni del tratto conferiscono naturalità al disegno, le linee sono morbide, come dipinte a mano. Nell’ultima collezione, di qualche anno fa, tradizione e spirito contemporaneo si fondono nelle carte tessili RAFIA & METALLO. Le strutture sono liberamente ispirate agli intrecci di rafia delle abitazioni tipiche giapponesi. I filati, tessuti su telai jacquard e, successivamente accoppiati con TNT, mantengono l’irregolarità e la delicata lucentezza delle rafie; sono durevoli, resistenti, trattati per una ancora più facile manutenzione. I motivi di origine vegetale e minerale, le geometrie, le striature irregolari, le marezzature artigianali iconiche sono declinati nelle gamme calde delle paglie e del tabacco, accesi da colori vividi e intensi, illuminati da effetti metallici.
 
dedar_02 

– Come nascono i disegni di carte decorative e tessuti: quali studi e ricerche ci sono dietro?
  
Creatività e ricerca sono le due facce di uno stesso processo teso a raggiungere eccellenza tecnica ed estetica. La realizzazione di un prodotto richiede più di un anno di tempo e a volte il processo di sviluppo esige anche diversi anni di prove e sperimentazioni, come ad esempio quando combina tecniche innovative con processi artigianali, fibre naturali con filati tecnologici o fili metallici. “Si vive nel mondo ed è il mondo stesso a ispirare”: da una parte è importante avere una preferenza personale che dia un’impronta precisa, dall’altra è l’ambiente circostante a orientare un percorso. È proprio questa libertà d’ispirazione a caratterizzare la varietà dei disegni Dedar.
  
– Si può parlare di vera e propria opera d’arte pensando ai disegni di alcune carte da parati?
  
Mi viene in mente il recente progetto di Dedar per celebrare i suoi 40 anni (1976 – 2016). L’azienda ha riunito 2 artisti per realizzare un prodotto non convenzionale da parete. Martino Gamper e Brigitte Niedermair hanno dato vita a un progetto innovativo e inusuale: Screenshot. Una fotografia concettuale che sintetizza 500 anni di colore blu nell’arte figurativa, fermo immagine ottenuto attraverso lo scatto del lento download della ricerca on line delle opere di Giotto, Van Gogh, Klein, Picasso, Matisse. L’esito è stato stampato su tessuto (Dedar Tabularasa) realizzando una serie di pannelli che combinano il concetto di rivestimento murale al settore del design tridimensionale.
  
– Qual è il trend del momento?
  
La moda del momento parla chiaro: la carta da parati è la nuova tendenza in fatto di interior decoration. Dopo qualche anno di muri dipinti di bianco minimalista, la carta sta vivendo una ritrovata popolarità. Le ragioni sono da ricondursi alla funzionalità e versatilità di questo prodotto. Le nuove tendenze in fatto di carte da parati esplorano la fantasia con colori vivaci e intensi portando l’innovazione e la ricerca verso nuove texture e materiali tecnici, resistenti all’umidità (waterproof) e alle alte temperature (fire retardant) o, semplicemente, più legati all’esperienza tattile. In questo modo si può optare per la scelta di posizionare le carte anche in luoghi della casa mai considerati prima: dal bagno alla cucina, passando dalla stanza dei bambini ed il soggiorno.
  
www.dedar.com
  
Note:
Copertina – 2008 Brio
1 – 2012 Alabastro – ©Andrea Ferrari
2 – 2014 Amoir Libre – ©Andrea Ferrari
3 – 2014 Wow

QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE: CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SE NE ACCETTA L’UTILIZZO. SE VUOI SAPERNE DI PIÙ CLICCA QUI OK