Il Maxi dress che non passa mai di moda
MAGAZINE

IL MAXI DRESS
CHE NON
PASSA MAI

Il maxi dress che non passa mai di moda
MAGAZINE

IL MAXI DRESS CHE NON PASSA MAI DI MODA

Maxi Dress, Maxi Glam

Se i jeans rappresentano la democrazia nella moda, il lungo o maxi è sinonimo di femminilità. Rasoterra, alla caviglia o midi, abiti e gonne che coprono le gambe e armonizzano la silhouette – specie se ampi e fluttuanti – affascinano, e di più, incantano. Le lunghezze cambiano a ogni stagione, ma il lungo resta un punto fermo nelle pagine di moda e stile, oggi più che mai libero dalle etichette collezionate in secoli di storia e di trasformazione del costume. Perché se è vero che fino a pochi secoli fa al vestito – o alla gonna – fino a terra non c’era alternativa, dai primi anni del secolo scorso, grazie a stilisti come Paul Poiret, gli orli hanno iniziato una vertiginosa rivoluzione prima verso l’alto e poi ancora in giù, veicoli di nuove ideologie.

E’ dai ’20 e ‘30 che le lunghezze iniziano ad accorciarsi, in concomitanza con i primi accenni di una progressione sociale scioccante, del tutto inedita. D’altronde, come si poteva ballare lo swing con abiti più lunghi? Quella lunghezza, così audace per i tempi, tuttavia dura poco e a seguito degli avvenimenti che scuotono la società negli anni successivi, le lunghezze si assestano sul medio, segno evidente di una prudenza dilagante. Una deriva che finisce con l’antitesi del lungo: la minigonna interpretata da Mary Quant alla fine dei ’60 accorcia gli orli al massimo storico, con una lunghezza inversamente proporzionale al desiderio di libertà e praticità delle ragazze del tempo.



Il Maxi dress che non passa mai di moda
Mangiare con gli occhi

Il monopolio degli orli corti e cortissimi è destinato a durare quasi fino ai ‘90, quando si mescola al grunge, lasciando comunque spazio a un nuovo significato della moda: l’essere qualsiasi cosa si vuole, è il “power dressing”.

Nonostante i confini siano stati spinti in avanti con grande coraggio e ciclici effetti scandalosi, l’abito lungo-lungo riappare in una prima versione – in pizzo di cotone e alla caviglia – nel 1968, interpretato da Oscar de la Renta, segnalato in un articolo del New York Times. Per circa un decennio, il suo destino è di assorbire le contaminazioni di stile di una società in fermento, in primis dell’hippy, per poi quasi sparire di nuovo fino a riapparire con un tocco un po’ chic, un po’ bohémien, reinterpretato dall’icona del boho-chic: Kate Moss. Sono i primi anni duemila, ed ecco che il lungo è tornato per restare.

Caractère intrepreta il maxi a ogni stagione e questa primavera-estate 2018 lo propone in ondulati e leggeri creponne di seta, cinto in vita o morbido sui fianchi, in calde tonalità naturali. Sdoganato ormai da ogni ciclicità, il maxi abito è senza età, uno di quei pezzi che ogni donna dovrebbe avere nell’armadio. Un classico, intramontabile come il desiderio che accende. Adatto a ogni occasione semplicemente cambiando accessori, l’abito lungo è una scelta di carattere. Casual di giorno, elegante di sera. Raffinato e romantico, sempre. Poiché finchè la moda cambia, lo stile resta.